sabato 6 settembre 2008

L'Ego Naturale!!......

"E' più facile vivere un presente assurdo....che un futuro incerto!"......Come un Fiore che vive la sua breve vita sprigionando i suoi potentissimi colori sgargianti quasi fosse un Pavone che aprendo la ruota si fa bello di se e attira ammirazzione(il vanitoso!!),prendendo dalla Madre Terra il suo sostentamento avidamente,come assetato nel Deserto che non esiterebbe a bere l'ultima goccia d'acqua rimasta pur di sopravvivere,riempiendo l'Aria di profumi a volte così particolari da stordire per un istante e lasciare inebriati i sensi olfattivi che ricorderanno quell'aroma come si ricorda il primo bacio,in pratica "brucia" tutto il suo Essere brevemente per evitare di pentirsi un domani che...forse non ci potrebbe essere o almeno come lo vorrebbe lui!!.....e così fanno anche certi Umani!!! Giusto o sbagliato che sia!!......

3 commenti:

Maraptica ha detto...

Istinto o riflessione?
Impeto o calma?
Tutto oggi e domanichilosà?!
Oggi riflessivo per un domani programmato?!
"Vattelapesca" se è giusto o sbagliato (c'è uscita pure la rima non voluta)... e finchè riguarda la propria vita si agisce e si subisce con e sulla propria pelle.
Quando vai a ruota libera a spese della serenità altrui... lì nasce qualche problemino.
Ma del resto...chi nn ha sofferto e non ha fatto soffrire?! Rientra tutto nella maledetta natura umana.

mao ha detto...

Hai detto bene sai,agire su se stessi è un conto..ma purtroppo qualsiasi cosa ci stia intorno ne farà parte involontariamente...subendola o interagendo in essa,sta comunque a noi decidere come vivere certi eventi,con interesse?..indifferenza?...e da qui si aprirebbero porte allucinanti dove creare dibattiti infiniti!! P.S. BEN TORNATA Marartica!!!

Maraptica ha detto...

Sì, senza dubbio la scelta è nostra. Sono tuttavia convinta che la parte di noi, chiamata indole, agisce in percentuale sui vari avvenimenti. Voglio dire che...scelgo che ci sia "coinvolgimento", scelgo di "subire", scelgo di "attaccare"...finchè ho la freddezza, finchè non sono "coinvolta". Lì dove entro nel circolo dell'avvenimento la mia volontà non è la sola ad avere la parola. Non so gli altri, ma a me mi fotte sempre questa forza interna che non segue (quasi mai) la mia testa.
P:S: Un ben tornata in maiuscolo quasi mi commuove ;.)